Cremazione

La cremazione, rituale costantemente in crescita, è una volontà che si esprime in vita in uno dei seguenti modi:
cremazione

Atto testamentario (notarile oppure olografo e consegnato a persona di fiducia)
– Dichiarazione di volontà postuma resa dalla maggioranza dei parenti pari grado (individuati per legge) che dichiarano la volontà espressa in vita dal defunto
– Iscrizione presso una società di Cremazione (So.Crem) che garantisce la tutela delle volontà del defunto, solleva i parenti da qualsiasi onere burocratico e garantisce l’eventuale volontà di affido o dispersione delle ceneri.

L’affido delle ceneri consiste nell’affidamento a una persona ben identificata, a seguito della volontà espressa in tal senso dal defunto, dell’urna contenente le ceneri.

Secondo le norme vigenti l’urna può essere conservata all’interno di un colombaro oppure nel luogo di residenza dell’affidatario.

La dispersione delle ceneri in natura può avvenire in uno dei seguenti modi:

In terra:   in apposite aree cimiteriali o luoghi indicati.
In acqua:  in mare, lago o fiume, attenendosi alle normative  in merito.

Nel caso in cui sia stata espressa la volontà di cremazione, ma non il desiderio relativo allo spargimento delle proprie ceneri, prevarrà l’opzione riguardante la sepoltura tradizionale dell’urna.

La dispersione, infatti, richiede una procedura burocratica ulteriore, ossia un atto notorio preventivo che dimostri la volontà del soggetto interessato.

CREMAZIONE ISCRITTI E NON ISCRITTI